S’Osteria 38 di Acquapendente premiata alla Milano Wine Week

S’Osteria 38 di Acquapendente premiata alla Milano Wine Week

S’Osteria 38 di Acquapendente premiata a Milano. La struttura di sosta e ristoro lungo la Via Francigena si è distinta nella sezione Pizzerie.

“Carta dei Vini dell’anno”

La struttura della Cooperativa Sociale Alicenova ha ottenuto il riconoscimento come “Carta dei Vini dell’anno” alla Milano Wine Week 2023, sesta edizione dell’evento dedicato al vino e all’enologia in svolgimento nel capoluogo lombardo.

Punto di riferimento

Luogo di sosta e ristoro, per i pellegrini e non solo, lungo la Via Francigena (trentottesima tappa), la struttura di Via Cesare Battisti si è contraddistinta per una carta dei vini solida e territoriale curata dall’enogastronomo Carlo Zucchetti, che guarda con interesse anche verso le cantine della Nouvelle Vague, le quali nella Tuscia viterbese – di cui Acquapendente è porta d’ingresso – non mancano e hanno creato vere e proprie piccole comunità.

LEGGI ANCHE Al via l’11esima edizione del Premio Fausto Ricci

Le carte vincenti

S’Osteria 38 basa la sua ricerca di materie prime sulla collaborazione con i piccoli produttori del territorio. Essi trovano spazio nel menù insieme al ricco paniere di Fattorie Solidali. La scelta dei vini è frutto di una ricerca capillare e della conoscenza diretta delle cantine ed è coerente con l’idea di offrire una panoramica gustativa della Tuscia grazie a un servizio curato, mantenendo sempre fermo lo sguardo verso l’inclusività.

La storia

L’attività è nata nel 2018 dalla collaborazione tra le cooperative sociali Alicenova e Fattorie Solidali, con l’intento di creare opportunità di impiego e di formazione nel mondo dell’accoglienza e della ristorazione. Questo progetto si inserisce in un quadro più ampio insieme alle fattorie sociali Fattoria di Alice, Ortostorto, Crocevia, al Casale Tigna nella Riserva naturale di Monte Rufeno, la Casa del Mare a Spinicci e a Stay Fresco, chiosco bar nel Parco della Resistenza a Civitavecchia, tutti progetti di accoglienza, ristorazione e agricoltura, finalizzati all’inclusione.

IL CORRIERE DI VITERBO SU FACEBOOK E INSTAGRAM