Disturbi alimentazione, si lavora per aprire un punto d’ascolto

Disturbi alimentazione, si lavora per aprire un punto d’ascolto

Grande attenzione e consenso per l’evento “Disturbi della nutrizione e dell’alimentazione – Oltre quello che si vede”, organizzato dall’assessorato alle politiche sociali, in collaborazione con altre realtà territoriali, istituzionali e non, in occasione della giornata nazionale del Fiocchetto Lilla, dedicata ai disturbi del comportamento alimentare come l’anoressia, la bulimia e gli altri disturbi della nutrizione e dell’alimentazione.

Esperti a confronto su iniziativa del Comune

L’evento si è svolto in una sala Regia gremita e attenta alle tematiche affrontate e approfondite dai relatori che si sono alternati. “Un evento che mi auguro resti nel cuore di coloro che vi hanno partecipato – sottolinea l’assessore Patrizia Notaristefano, promotrice dell’incontro -. Un momento di profonda condivisione che ha visto attorno a un tavolo professionisti determinati a fare la differenza nella battaglia contro queste malattie insidiose”.

LEGGI ANCHE De Alexandris: “Sono stata anoressica”

Testimonianze

Numerose le testimonianze personali e numerosi i rappresentanti delle realtà territoriali coinvolte per l’occasione, realtà che da anni si dedicano con impegno e dedizione a sostenere coloro che combattono quotidianamente contro i disturbi alimentari, giovani e meno giovani. “Ci tengo a ringraziare tutti coloro che hanno scelto di consegnare al pubblico la loro testimonianza, frutto di una personale esperienza – ha proseguito l’assessore Notaristefano -. Grazie alla consigliera comunale Maria Rita De Alexandris per aver condiviso la sua difficile battaglia contro l’anoressia”.

Coinvolti anche i giovani della consulta provinciale studentesca

Non solo testimonianze ma anche importanti contributi scientifici da parte di professionisti ed esperti del settore. A intervenire sono stati la direttrice del Dipartimento di salute mentale Asl di Viterbo Cristiana Morera, la neuropsichiatra Morena Tafuro, la direttrice Uoc Psicologia Asl Viterbo Barbara Longo, il presidente dell’ordine dei farmacisti Salvatore Menditto, la psicoterapeuta Elisabetta Rosetto e il biologo nutrizionista Danilo Bacciani. Prezioso il coinvolgimento dei giovani della consulta provinciale studentesca, accompagnati dalla professoressa Proietti. Fondamentale anche l’implementazione della rete di collaborazioni grazie alla presenza di nuove realtà con cui è stato avviato un proficuo dialogo: tra queste, la Fondazione Cotarella.

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 25 MARZO – EDICOLA DIGITALE