Finti carabinieri provano a truffare anziana

Finti carabinieri provano a truffare anziana

Finti carabinieri provano a truffare anziana. In questi giorni ladri e truffatori si aggirano a Civita Castellana. Cittadini e famiglie pertanto debbono stare in allerta, sopratutto gli anziani che sono le vittime preferite di questi malfattori.

ALLARME TRUFFE A TOBIA

Finti carabinieri provano a truffare anziana

A svelare la tecnica truffaldina, ma assai astuta, dei ladri, è il figlio di due persone anziane, 86 anni lui e 84 anni lei, che, per un caso fortuito e fortunato, non sono caduti in trappola e derubati. “Dopo aver individuato i miei genitori come vittime prescelte – spiega il figlio – i ladri, spacciandosi per carabinieri, hanno telefonato a casa a mia madre che stave sola, dicendole che mio padre aveva avuto un incidente e che stava in caserma. Era urgente che portasse una somma risarcitoria di circa seimila euro. Non potendo disporre di quella somma all’istante, le hanno chiesto di aprire la porta ad un certo Luca, loro palo, che sicuramente era appostato sotto casa, per consegnare oro e gioielli per lo stesso valore.

AUMENTANO FURTI E TRUFFE

Truffatori messi in fuga

“Mia madre, assai preoccupata e in ansia, voleva parlare con suo marito al telefono,ma i truffaldini le rispondevano che non si poteva , che non doveva agitarsi perchè tutto era sotto controllo. Probabilmente avrebbero fatto il colpo se non che mio padre, che stave fuori, è tornado in casa e scoperto l’inganno mi ha chiamato al cellulare. Io ho avvertito i carabinieri che sono subito accorsi a casa dei miei genitori, sventando il furto e facendo fuggire i ladri. Sono stati davvero efficienti ed encomiabili. Li ringrazio di cuore”.

Alf. Parr.

ARTICOLO  SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 19 MARZO – EDICOLA DIGITALE

IL CORRIERE DI VITERBO SU FACEBOOK E INSTAGRAM