Bassano Romano, paese e scuola piangono Letizia morta a 17 anni per una malattia

Bassano Romano, paese e scuola piangono Letizia morta a 17 anni per una malattia

L’intero paese piange Letizia Maggi, studentessa di 17 anni, morta ieri mattina dopo aver lottato contro una grave malattia che non le ha lasciato scampo. Letizia frequentava la classe 4D di Scienze umane ed era amatissima da tutti, compagni e docenti.

Letizia è morta a 17 anni per una malattia

Il sindaco Emanuele Maggi ha proclamato per oggi una giornata di lutto cittadino, con bandiere a mezz’asta in Comune, e l’intera comunità si è stretta intorno ai genitori, Arcangelo e Pina, molto conosciuti, al fratello minore e ai nonni.

Paese e scuola piangono Letizia

L’Iis di Bassano, in segno di lutto e di rispetto, ha sospeso ieri tutte le attività pomeridiane. Letizia, che tutti ricordano come una ragazza solare e socievole, aveva una passione per la danza. “Una ragazza meravigliosa e una studentessa modello” la ricordano i docenti dell’Istituto superiore che l’hanno avuta in classe fino a pochi mesi fa, quando l’aggravarsi delle sue condizioni aveva reso necessario il ricovero in ospedale. Negli ultimi giorni i medici avevano posta Letizia in coma farmacologico. “Un angelo della nostra comunità parrocchiale”, il commento del parroco don Vianey Sanchez Perez.

LEGGI ANCHE Bassano Romano, domani lutto cittadino in ricordo di Letizia Maggi

Lutto cittadino

“A seguito della dolorosa e prematura scomparsa della giovane Letizia Maggi, interpretando il sentimento di dolore della famiglia e della cittadinanza tutta, viene proclamato con ordinanza sindacale lutto cittadino per la giornata del 27 febbraio – ha annunciato sul suo profilo Facebook il sindaco Maggi -. La comunità di Bassano Romano si stringe attorno alla famiglia in segno di cordoglio per la dolorosa perdita di Letizia”.

Tanti messaggi di cordoglio

“Un dolore ineguagliabile per un genitore, un dolore ineguagliabile per un fratellino, un dolore ineguagliabile per tutti noi. Non c’è fede che tenga nel vivere queste giornate brutte, fredde, piovose”, si legge in uno dei tanti commenti di cordoglio apparsi ieri su Facebook.

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 27 FEBBRAIO – EDICOLA DIGITALE