Bomba day il 7 maggio, mezza città sarà evacuata

Bomba day il 7 maggio, mezza città sarà evacuata

Bomba day il 7 maggio, mezza città sarà evacuata. Un’intera frazione, più della metà dei quartieri della città completamente sgomberati, tutte le scuole a prescindere da grado e luogo.

Prevista l’evacuazione di oltre 30 mila persone

Almeno 30 mila persone saranno toccate dalla bonifica della ‘zona rossa’ in via Alcide De Gasperi 11, dove, da giovedì scorso, l’ordigno bellico risalente alla Seconda guerra mondiale sosta, sorvegliato dalle forze dell’ordine, al centro di un cantiere edilizio nel cuore del quartiere Paradiso.

Conferenza stampa

Ad annunciare data, portata e modalità delle operazioni per lo spostamento della bomba, inesplosa e contenente oltre mille chili di tritolo, è stato ieri il prefetto di Viterbo, Gennaro Capo, durante la conferenza stampa a Palazzo dei Priori, alla presenza della sindaca Chiara Frontini, del comandante della polizia locale Mauro Vinciotti e del consigliere Giancarlo Mantinengo.

LEGGI ANCHE Ordigno bellico trovato nel cantiere in via Alcide de Gasperi

Bomba day il 7 maggio

“La bonifica dell’area del ritrovamento dell’ordigno sarà effettuata martedì 7 maggio”, ha detto il prefetto, che poi ha spiegato: “Una data scelta per non contrapporsi al flusso turistico atteso per questo mese e per permettere lo svolgimento delle manifestazioni (una su tutte, San Pellegrino in Fiore, ndr) in programma in città. L’evacuazione – ha proseguito Capo – interesserà un raggio di un chilometro e ottocento metri dal posizionamento dell’ordigno.

Mezza città sarà evacuata

Dunque, è stato stimato che verranno coinvolte 30 mila persone durante le operazioni. Mezza città sarà evacuata, e questa interesserà la maggior parte dei quartieri. “Murialdo, Ellera Pilastro, Cappuccini, Palazzina, buona parte del centro e la Quercia saranno evacuati”, ha aggiunto il comandante Vinciotti.

 

Tommaso Zei

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 28 MARZO – EDICOLA DIGITALE