Bracciante picchiato da tre uomini, carabiniere alla sbarra

Bracciante picchiato da tre uomini, carabiniere alla sbarra

Bracciante picchiato da tre uomini durante la festa di fine Ramadan: a processo un carabiniere che deve rispondere di rifiuto e omissione di atti d’ufficio.

Le accuse

Il militare sarebbe stato tra le persone che avrebbero assistito al pestaggio che si consumò in un bar di Vignanello il 5 giugno 2019. Martedì in aula davanti al collegio del tribunale di Viterbo è stato ascoltato il proprietario del locale.

LEGGI ANCHE Bracciante ucciso dal caldo e dalla fatica, padre e figlio arrestati per omicidio colposo

La testimonianza

“Mentre stavo lavorando sentii delle urla provenire dall’area esterna in cui si stavano svolgendo i festeggiamenti – ha spiegato il ristoratore -. A un certo punto vidi questo ragazzo originario del Pakistan cadere per terra e poi venne caricato su un furgone da altri giovani, i quali dissero che aveva rovinato l’atmosfera perché aveva bevuto. Il carabiniere era tra gli invitati, ma non so dove fosse in quel momento”.

Altro processo

Per la stessa vicenda è in corso un altro procedimento che vede imputati un imprenditore agricolo di Gallese e altre due persone, che devono rispondere di sequestro di persona, lesioni personali aggravate e sfruttamento del lavoro. La vittima si sarebbe avvicinata al datore di lavoro reclamando il proprio stipendio e sarebbe stata aggredita brutalmente.

Valeria Terranova

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DELL’ 8 FEBBRAIO – EDICOLA DIGITALE