Erba alta, rifiuti e degrado, Viale Trento nell’abbandono

Erba alta, rifiuti e degrado, Viale Trento nell’abbandono

Erba alta, bottiglie di vetro, plastica e carte sparse, secchi carichi di rifiuti edili ammassati, marciapiedi e panchine in pietra spaccati e potenzialmente pericolosi: torna il problema del decoro urbano a viale Trento, quartiere da tempo “attenzionato” dalla questura ma che non riesce a scrollarsi di dosso la pessima fama che si porta dietro.

Rifiuti organici, cartoni, plastiche sparse, residui di mattoni, diverse bottiglie di vetro

Nelle ultime settimane la zona, che già da diverso tempo combatte tra degrado e sicurezza, è tornata a farsi notare per la crescente incuria che giorno dopo giorno la sta trasformando, molto rapidamente, in una piccola grande pattumiera a cielo aperto. Dove si può trovare un po’ di tutto: rifiuti organici, cartoni, plastiche sparse, residui di mattoni, diverse bottiglie di vetro. Il tutto a due passi da uno degli ingressi principali della città, la stazione di Porta Fiorentina, e davanti a uno dei luoghi più frequentati da studenti, bambini e in generale da molti cittadini a cui sta a cuore la cultura, la biblioteca provinciale “Anselmo Anselmi”.

LEGGI ANCHE Erbacce, sporcizia e ratti: il degrado arriva a lambire il corso cittadino

“Non è un bel biglietto da visita”

“Una pessima cartolina impossibile da non notare quando mi reco in questa zona – dice Donatella, che sta uscendo dalla biblioteca dopo aver preso in prestito un libro -. Alla base di questa situazione di degrado, credo ci sia soprattutto una mancanza di senso civico trasversale. Servirebbe più attenzione e rispetto da parte di chi vive quotidianamente il quartiere: entrare in una biblioteca così ricca e poi uscirne trovandosi davanti a sporcizia e incuria, non è un bel biglietto da visita”.

Tommaso Zei

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DELL’ 8 FEBBRAIO – EDICOLA DIGITALE