Esplosione al centro migranti, sopralluogo a San Lorenzo del consulente della Procura

Esplosione al centro migranti, sopralluogo a San Lorenzo del consulente della Procura

Esplosione al centro migranti di San Lorenzo Nuovo, nuovo sopralluogo del consulente della procura della Repubblica di Viterbo. Nei giorni scorsi l’ingegnere Rodolfo Fugger si è recato ancora una volta sul posto per verificare l’eventuale presenza di stufe elettriche che possano aver innescato la deflagrazione che intorno alle 22 del 10 novembre scorso devastò il centro di accoglienza, gestito dalla Ospita srl, causando il ferimento di 31 ospiti, tra i quali 24 adulti e 7 minorenni di diverse nazionalità.

Tre persone iscritte nel registro degli indagati

Pertanto in una prima fase il pubblico ministero Paola Conti, che coordina le indagini, aveva aperto un fascicolo contro ignoti, ipotizzando il reato di disastro colposo e nominato Fugger come consulente tecnico. Attualmente sono tre le persone iscritte nel registro degli indagati: due operatrici e il proprietario della struttura. La prima ispezione del professionista risale al 15 novembre, a 5 giorni da quella che poteva essere una tragedia. L’ingegnere Fugger era arrivato a San Lorenzo Nuovo la mattino e con l’ingegnere dei vigili del fuoco di Viterbo aveva esaminato per oltre un’ora le macerie. Con loro era presente anche il capo squadra del distaccamento del vigili del fuoco di Gradoli, intervenuti per primi subito dopo lo scoppio.

LEGGI ANCHE San Lorenzo Nuovo, il consulente un’ora tra le macerie

L’esperto potrebbe consegnare l’elaborato a breve

Sarà proprio la perizia di Fugger, insieme alla relazione di pronto intervento stilata dai pompieri, a far luce sulla dinamica dei fatti e ad assegnare con precisione eventuali responsabilità su quanto accaduto. L’esperto potrebbe consegnare il proprio elaborato a breve. Al momento, la tesi più accreditata sarebbe una fuga di gas in base a quanto constatato dai tecnici che presero parte agli accertamenti e che si sarebbero concentrati su un tubo giallo, ritrovato a penzoloni tra i detriti.

Valeria Terranova

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 14 MARZO – EDICOLA DIGITALE