Gli agricoltori della Tuscia serrano i ranghi

Gli agricoltori della Tuscia serrano i ranghi

Gli agricoltori della Tuscia serrano le fila, ma la riunione tra le rappresentanze dell’Alta Tuscia, quelle della zona costiera e quelle di Orte, inizialmente in programma ieri, è slittata a oggi. Si terrà a Vetralla.

Creare un coordinamento provinciale

L’obiettivo è creare un coordinamento provinciale in modo da non disperdere le forze in vista della prossime giornate di lotta e in particolare della grande manifestazione in programma domani a Roma.

LEGGI ANCHE Vetralla, il sindaco Aquilani ha salutato i trattori diretti a Roma

Nel mirino la leadership di Tonino Monfeli

A questo proposito, stando alle indiscrezioni, la leadership di Tonino Monfeli, che finora ha guidato le proteste degli agricoltori e degli allevatori al casello dell’A1 di Orte, potrebbe essere messa in discussione. Alcuni dei manifestanti, particolarmente arrabbiati, rimprovererebbero a Monfeli una linea troppo morbida rispetto alle direttive della questura e delle altre forze dell’ordine che da giorni presidiano i sit-in.

Gli agricoltori della Tuscia serrano i ranghi e intanto arriva la prima vittoria

Intanto, alla vigilia del raduno di domani nella capitale, il movimento incassa una prima vittoria: la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen ha annunciato infatti il ritiro della direttiva sui pesticidi, tra i punti più criticati dai produttori.

R.V.

LEGGI IL CORRIERE DI VITERBO – EDICOLA DIGITALE