Inizio delle lezioni, carabinieri in campo contro la dispersione scolastica|FOTO

Inizio delle lezioni, carabinieri in campo contro la dispersione scolastica|FOTO

Inizio delle lezioni, carabinieri in campo contro la dispersione scolastica. I militari dell’Arma del comando provinciale di Viterbo hanno rinnovato il loro impegno al fianco di alunni, genitori e insegnanti nel prestare ogni forma d’ausilio al mondo dell’istruzione ed a fronteggiare il fenomeno della dispersione scolastica. Numerose le pattuglie impiegate questa mattina fuori dalle scuole.

PATTUGLIE ALL’ESTERNO DEGLI ISTITUTI

“I carabinieri, in collaborazione con le istituzioni scolastiche – si legge in un comunicato del comando provinciale -, stanno lavorando per offrire agli studenti un ambiente sicuro ed educativo in cui possano sviluppare le proprie potenzialità. Tramite la presenza costante nelle scuole negl’incontri mirati alla diffusione della cultura della legalità, i carabinieri si avviano a diventare un punto di riferimento per gli studenti”. “La presenza costante delle pattuglie fuori dai plessi scolastici si inserisce in questo quadro d’insieme volto ad approfondire assieme al corpo docenti ed alle famiglie le tematiche che oggi sono centrali nell’educazione dei ragazzi e nel loro vissuto quotidiano, quali la lotta al bullismo e al cyberbullismo o di stretta attualità, come il femminicidio o lo stalking, o anche tematiche da sempre affrontate dall’Arma nel suo operato quotidiano come la sicurezza stradale e la lotta al consumo ed allo spaccio di stupefacenti, per finire con l’educazione alla legalità ambientale”.

INCONTRI FORMATIVI

“L’impegno dei carabinieri non si limita soltanto all’interno delle mura scolastiche, ma si estende anche alle famiglie. Attraverso incontri informativi e di sensibilizzazione, si cerca di coinvolgere i genitori nel percorso formativo dei loro figli, rendendoli partecipi dell’importanza dell’istruzione per il futuro dei giovani. E’ importante sottolineare come l’impegno dei carabinieri contro la dispersione scolastica non sia solo una responsabilità delle forze dell’ordine, ma una sfida che coinvolge l’intera società. Ma quali sono le azioni messe in atto dai carabinieri per contrastare la dispersione scolastica? In primo luogo, attività di monitoraggio costante, identificando i soggetti a rischio e individuando le cause che li portano ad abbandonare gli studi. Grazie ad indagini accurate e alla collaborazione con gli insegnanti, i carabinieri riescono ad intervenire offrendo supporto a coloro che vivono situazioni di disagio sociale.

LEGGI IL CORRIERE DI VITERBO ON LINE (Edicola digitale)