Morti in mare, oggi nulla osta per i funerali

Morti in mare, oggi nulla osta per i funerali

Concluso l’esame autoptico sui corpi di Roberto D’Ascenzi ed Emiliano Brinchi, oggi il pubblico ministero potrebbe concedere il nulla osta per i funerali, che potrebbero essere celebrati già domani.

D’Ascenzi e Brinchi morti per annegamento

L’autopsia ha confermato che i due pescatori sono morti annegati e che dopo essere caduti in mare, dove si trovavano per una battuta di pesca in notturna, hanno tentato di liberarsi dalle pesanti calzature e salopette. Resta, però, ancora da chiarire la causa del capovolgimento della loro piccola imbarcazione, considerato che i due erano pescatori esperti e soprattutto che erano usciti in mare in una notte di assoluta calma.

LEGGI ANCHE Montalto di Castro, D’Ascenzi e Brinchi morti annegati

Le indagini

L’ipotesi di uno speronamento da parte di una imbarcazione più grande, forse un peschereccio, resta sempre una delle opzioni sulla quale stanno lavorando ormai da giorni gli inquirenti. Quel tratto di mare, che unisce Civitavecchia alla Toscana, è un via vai di pescherecci di ogni dimensione. Uno di questi, pertanto, potrebbe avere inavvertitamente agganciato e trascinato la piccola imbarcazione di Roberto D’Ascenzi ed Emiliano Brinchi senza rendersene conto. Ad avvalorare questa ipotesi, tra coloro che in paese hanno visto i due corpi e lanciato l’allarme, ci sono anche le particolari ferite riscontrate sul viso di Roberto D’Ascenzi, il primo ad essere ritrovato nei pressi delle Murelle.

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 26 MARZO – EDICOLA DIGITALE