Omicidio delle Saline, Cesaris concorda la condanna in appello a 21 anni e mezzo

Omicidio delle Saline, Cesaris concorda la condanna in appello a 21 anni e mezzo

Omicidio delle Saline, Cesaris concorda la condanna in appello a 21 anni e mezzo. Così in mattinata si è concluso il processo bis al 70enne che il 7 dicembre 2021 uccise a sangue freddo il professore Dario Angeletti nel parcheggio dell’oasi naturale di Tarquinia. A questo punto il 70enne, attualmente ai domiciliari per motivi di salute, avendo scelto il concordato, potrebbe tornare in carcere.

Confermati provvisionali e risarcimenti per familiari e Unitus

Inoltre, la Corte d’appello non ha modificato le statuizioni disposte dalla Corte d’assise di Roma a maggio 2023, che aveva stabilito una provvisionale di oltre 700 mila euro complessivi per i familiari del compianto docente dell’Unitus. In favore dell’Ateneo viterbese aveva indicato invece una provvisionale di 25 mila euro.

LEGGI ANCHE Uccise il professor Angeletti, Cesaris condannato a 25 anni e 2 mesi

Condannato a 25 anni e 2 mesi in primo grado

Quasi un anno fa la Corte d’Assise del Tribunale di Roma aveva condannato in primo grado Cesaris a 25 anni e due mesi di carcere, oltre al pagamento delle spese processuali e di custodia cautelare. L’ex tecnico di laboratorio, da anni in pensione, era stato anche interdetto a vita dai pubblici uffici.

IL CORRIERE DI VITERBO SU FACEBOOK E INSTAGRAM