Precipita da ultimo piano di Villa Serena, si indaga sulle misure di sicurezza

Precipita da ultimo piano di Villa Serena, si indaga sulle misure di sicurezza

Precipita da ultimo piano di Villa Serena, si indaga sulle misure di sicurezza. Si è lanciata dall’ultimo piano della casa di riposo Villa Serena approfittando della distrazione degli operatori. Per lei, una donna di 70 anni, non c’è stato nulla da fare: l’impatto col terreno le è risultato fatale.

La tragedia è avvenuta ieri

A quanto si apprende, sono già partite le indagini da parte delle forze dell’ordine per verificare se siano state rispettare tutte le procedure all’interno della struttura di Montefiascone che, ricordiamo, è di proprietà del Comune. In casi come questi, la procura della Repubblica apre un fascicolo, senza che ciò comporti l’automatica attribuzione di responsabilità a chicchessia. Saranno le indagine ad accertare se ci siano o meno state omissioni.

LEGGI ANCHE Montefiascone, anziana cade dal secondo piano e muore

La ricostruzione

La donna, come detto, si è lanciata dall’ultimo piano dell’edificio, consapevole quindi che l’impatto con il terreno non le avrebbe lasciato scampo. Si ignorano i motivi che hanno indotto la 70enne a compiere il gesto. Sul posto sono intervenuti subito i carabinieri della compagnia di Montefiascone e il personale del 118, ma per la signora non c’è stato nulla da fare: è morta sul colpo. La procura, non essendoci dubbi sulla dinamica, ha subito riconsegnato il corpo della donna ai familiari in modo da permettere la celebrazione dei funerali.

Si indaga sulle misure di sicurezza

Stando ai pochissimi particolari trapelati – sull’episodio viene mantenuto il massimo riserbo – gli inquirenti starebbero verificando il rispetto dei parametri relativi all’organico in forze alla struttura, in particolare il rapporto tra il personale e il numero degli ospiti.
Pare anche che alcune sigle sindacali abbiano chiesto recentemente un incontro già da alcuni mesi con la direzione della struttura per discutere proprio del tema degli orari di lavoro e dei turni svolti dal personale ma senza avere ottenuto finora alcuna risposta.

 

LEGGI IL CORRIERE DI VITERBO – EDICOLA DIGITALE