Prove di Natale in un centro affollato, affari d’oro per ristoranti e i negozi

Prove di Natale in un centro affollato, affari d’oro per ristoranti e i negozi

A ricevere maggiore consenso da parte di cittadini e turisti sono state comunque le installazioni immersive, quelle volute fortemente dall’assessore alla Cultura, Alfonso Antoniozzi, che hanno avvolto le vie centrali di luci e colori sortendo l’effetto sperato.

Una buona cartolina per i tantissimi visitatori ma preoccupa la chiusura di Porta Faul

“Avere vie e piazze illuminate e con questi colori di contorno, credo sia stato uno degli aspetti più belli di queste giornate – dice Allegra, residente ma anche commerciante in via San Lorenzo -. La città è stata viva e con tanti cuori. Credo che sia stata regalata una buona cartolina ai tantissimi visitatori. Ora – prosegue -, da commerciante, però, mi auguro che non venga confermata l’apertura continua di Porta Faul”.

Soddisfatti i ristoratori

A gongolare sono anche i ristoratori, con diverse attività che hanno addirittura svolto tre turni a pranzo. “Si è lavorato bene per tutto il fine settimana – conferma Nik Sacco, che in piazza della Morte gestisce il locale Piazza Ospitalità Locale -. Il Christmas Village ha dato sicuramente una grossa mano, soprattutto nel creare movimento. Credo che i numeri miglioreranno ancora e che queste iniziative possano solo che aiutare a dare vitalità al centro storico, supportando tutte le attività della zona”.

LEGGI ANCHE Frontini ai commercianti: “Mai detto che avremmo chiuso tutte le porte

Soddisfazione anche da parte dei commercianti di Corso Italia

Con altro spirito hanno alzato le saracinesche anche i commercianti, soprattutto quelli di Corso Italia, tratto quasi impercorribile viste le tante persone che si sono riversate in strada. “C’è stata tanta gente e lamentarsi credo sia impossibile”, è il coro unanime di quasi tutti i commercianti. “Ben vengano le iniziative. Peccato che il Natale passi una sola volta all’anno”.

Tommaso Zei

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 5 DICEMBRE – EDICOLA DIGITALE