Quattro auto distrutte dalle fiamme a Villanova

Quattro auto distrutte dalle fiamme a Villanova

Due macchine completamente incendiate, altre due sfregiate dalle fiamme; un odore forte, misto a plastica e metalli, che ha reso l’aria a tratti irrespirabile per buona parte della giornata. E l’idea generalizzata è “che non si sia trattato di un incidente involontario”. E’ il bilancio dell’incendio scoppiato, nella notte tra martedì e mercoledì, in via Latino Latini, nel quartiere periferico di Villanova.

Indagini

Sul fatto indaga ora la polizia, che non esclude nessuna pista. Tra cui quella che le fiamme partite da una Mercedes in sosta nella zona del parcheggio del civico 20, possano avere – ma questo dovrà essere accertato dalle indagini – una matrice dolosa. L’unica cosa certa, al momento, è che l’incendio, che ha poi coinvolto altri veicoli, sfiorando nel suo apice anche alcune abitazioni, sia partito intorno alle 4.30 del mattino.

LEGGI ANCHE Vitorchiano, incendio da Nando al Pallone

L’incendio

Ad allertare i vigili del fuoco, supportati poco dopo da due pattuglie della polizia, è stato un residente della zona, svegliato dalla luce e dal forte odore di fumo che si stava propagando in mezzo ai palazzi. Le fiamme hanno prima coinvolto una macchina, poi, spinte anche dal forte vento, ne hanno toccata un’altra, arrivando a sfiorare successivamente altri due veicoli, che si trovavano all’inizio e alla fine delle auto in sosta. Un lavoro non facile quello degli uomini del 115, che ci hanno messo non poco a domare le fiamme, riuscendo alla fine a bloccare l’incendio prima che si propagasse pericolosamente in tutta la zona.

Un episodio analogo era già avvenuto qualche settimana fa

“Non è la prima volta che succede”, dicono molti dei residenti, spiegando che “già qualche settimana prima era successo un fatto analogo”. Quasi senza parole invece uno dei proprietari dell’auto coinvolta, quella che si trovava vicina a quella da cui sarebbe partita la prima miccia e rimasta completamente carbonizzata.

Tommaso Zei

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 4 APRILE – EDICOLA DIGITALE