Rubate alla cantina Mottura seimila bottiglie di Grechetto

Rubate alla cantina Mottura seimila bottiglie di Grechetto

Colpo grosso alla cantina Mottura di Civitella D’Agliano: sabato notte i ladri sono entrati nell’azienda forzando la serratura e hanno portato via seimila bottiglie di vino che, ai prezzi attuali, corrispondono a un valore di circa 90 mila euro.

Il colpo è stato messo a segno sabato notte

Il co-titolare della ditta – Giuseppe Mottura, sindaco del paese – non dispera, perché le telecamere hanno ripreso tutte le fasi del furto. Le immagini saranno materiale prezioso per le indagini dei carabinieri, ai quali è stata subito presentata la denuncia. Si tratta di un’azienda che produce vino pregiato, venduto non solo in Italia ma esportato in tutto il mondo: circa duemila ettolitri, che prendono soprattutto la strada per gli Stati Uniti e il Canada. Giuseppe segue le orme di suo padre Sergio, un uomo di origini piemontesi che ha rilanciato, verso la metà degli anni sessanta del secolo scorso, la cantina messa su dallo zio Alessandro, producendo bottiglie richieste dall’alta ristorazione.

Rubate alla cantina Mottura seimila bottiglie di Grechetto

Al confine tra Lazio e Umbria, l’azienda produce, tra l’altro, il Grechetto, un bianco apprezzato dagli esperti, tanto che il sito Wine mag ha definito Sergio Mottura “re del Grechetto” prodotto in Italia centrale. Ed è proprio quello il prodotto che è stato loro sottratto qualche notte fa. Il vino a cui, ogni estate da vent’anni, è dedicato il festival “Nelle terre del Grechetto” che si svolge nel borgo. Parliamo dell’episodio con Giuseppe Mottura.

LEGGI ANCHE Montefiascone, rapina al distributore di benzina: al via ieri il processo

Cosa è successo?

“Durante la note di sabato, da una porta secondaria sono entrati tre malviventi, che hanno portato via seimila bottiglie di vino. Noi abbiamo un circuito interno di telecamere che li ha ripresi nella loro azione di furto, e abbiamo dato tutto il materiale alla stazione dei carabinieri di Civitella D’Agliano cercando di recuperare più informazioni possibili sugli autori del crimine”.

A.T.

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 21 FEBBRAIO – EDICOLA DIGITALE