San Pellegrino in fiore, cartellone in dirittura d’arrivo

San Pellegrino in fiore, cartellone in dirittura d’arrivo

Quasi pronto il cartellone di San Pellegrino in Fiore: ad annunciarlo è stato l’assessore allo sviluppo economico Silvio Franco, nel consiglio comunale di giovedì, su interrogazione della consigliera comunale Alessandra Troncarelli (Pd).

Cartellone in dirittura d’arrivo

Sarà un San Pellegrino in Fiore importante, ha detto Franco che ha confermato l’avvenuto affidamento dell’incarico per la progettazione esecutiva al gruppo vincitore del concorso di idee. Gruppo che si è detto disponibile anche a curare la direzione artistica della kermesse. Una possibilità, questa, prevista dal bando, ha spiegato Franco. “Ragionevolmente, verso la fine della settimana, il progetto esecutivo sarà disponibile – ha assicurato l’assessore allo sviluppo economico -. Per l’organizzazione si procederà a una suddivisione orizzontale, spaziale, per piazze, e a una verticale per servizi: allestimento, strutture, piante, manutenzione, sorveglianza. I soggetti coinvolti potranno decidere se occuparsi di una piazza o se prestare un servizio”.

LEGGI ANCHE San Pellegrino in Fiore. Ascenzi: “Vedrete la mano degli architetti”

L’ Università della Tuscia, la Camera di commercio e la Provincia sosterranno la manifestazione

Tra gli enti pubblici che sosterranno la manifestazione ci sono l’Università della Tuscia, la Camera di commercio e la Provincia, che, previo accordo, potranno coprire le varie componenti di spesa. “Al momento non abbiamo ancora preso un accordo puntuale – ha specificato il titolare dello sviluppo economico -. Tuttavia, ci sono alcune realtà più orientate a coprire le spese, altre ad allestire le piazze, altre ancora a intervenire sulla manutenzione o la comunicazione. Stiamo creando una sorta di puzzle con diversi pezzi a carico di ognuno dei contributori”.

Il Comune finanzierà la spesa che resterà scoperta. Palazzo dei Priori si sarebbe già attivato: “Abbiamo partecipato al bando LazioCrea per iniziative a carattere tradizionale e volte a valorizzare la cultura locale, chiedendo un contributo di 30 mila euro – ha spiegato Franco -. Speriamo nell’esito positivo. Al momento non abbiamo ancora individuato le ditte che realizzeranno gli allestimenti”.

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 26 MARZO – EDICOLA DIGITALE