Stadio, l’opposizione (senza Pd) attacca l’amministrazione comunale

Stadio, l’opposizione (senza Pd) attacca l’amministrazione comunale

Stadio, l’opposizione (senza Pd) attacca l’amministrazione comunale. “Non si può gestire il Rocchi come un campo di periferia”. Sullo stadio l’opposizione (tranne il Pd) attacca e la sindaca risponde sui social. Non esattamente in quest’ordine, però: i consiglieri di Fratelli d’Italia, Lega e Per il bene comune convocano la stampa per parlare del Rocchi e del Pilastro alle 14,30.

La sindaca gioca d’anticipo

Frontini li anticipa intorno alle 13,50 con un video su Facebook, in ripercorre le vicende estive e tiene il punto sulle carenze della Favl Viterbo, unica ad aver risposto alla manifestazione di interesse viziata dall’assenza del nulla osta della Regione. Perché di errori burocratici in questa vicenda ci sono stati anche da parte del Comune. “Il Rocchi diventerà la casa dello sport viterbese – annuncia Frontini nel video -, che tutte le squadre, di diverse discipline, potranno utilizzare. Anche la Favl. Un conto è la gestione e un conto è l’uso”.

LEGGI ANCHE Stadio Rocchi, la sindaca Frontini torna sulla questione in un video su Facebook

L’opposizione: “Il nuovo regolamento comunale prevede che le società paghino un canone per gli impianti sportivi”

Un’idea che però mal si concilia non solo col fatto che il Rocchi è da sempre la casa della prima squadra di calcio cittadina, ma anche con le risorse a disposizione del Comune per gestire un impianto che di manutenzione costa oltre 100mila euro annui. Risorse che senza un gestore privato graveranno sui cittadini. “È impossibile dare lo stadio a tutti – controbatte il consigliere Matteo Achilli, in conferenza con Andrea Micci, Luisa Ciambella, Laura Allegrini e Antonella Sberna -. Il nuovo regolamento comunale prevede che le società paghino un canone per gli impianti sportivi. Lo stadio non è un parco, ha dei costi alti e in bilancio i soldi non ci sono: va consegnato a tifosi, attraverso la gestione a una società che ha forza economica e progetti in grande, come la Favl con alle spalle Piero Camilli”.

Eleonora Celestini

 

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 29 NOVEMBRE – EDICOLA DIGITALE