Stadio Rocchi, la parola alla Regione

Stadio Rocchi, la parola alla Regione

Stadio Enrico Rocchi, ora la palla passa alla Regione Lazio.

La parola alla Regione

Dopo il voto unanime del consiglio comunale nella seduta del 15 febbraio, quando l’assemblea si è espressa favorevolmente in merito all’acquisizione della piena proprietà dell’impianto sportivo della Palazzina, gli uffici dell’Urbanistica hanno inviato mercoledì scorso all’ente regionale tutta la documentazione necessaria per avviare il passaggio di proprietà.

LEGGI ANCHE Arriva l’okay all’acquisizione dello stadio

Il Comune potrà procedere con l’accatastamento dello stadio

Operazione che richiederà tempo, ma che chiuderà una volta per tutte una vertenza tra i due enti pubblici aperta sin dagli anni ’80: se nei prossimi giorni dalla Regione arriverà, infatti, l’ok al temporaneo comodato d’uso gratuito a palazzo dei priori, intanto il Comune potrà procedere con l’accatastamento dello stadio – manca, infatti, la parte relativa alle curve costruite con il restyling del 2007 – e, soprattutto, con il bando di gara per l’affidamento della struttura ad una società sportiva, in modo che nella prossima stagione al Rocchi torni il calcio giocato.

Corsa contro il tempo

E’ chiaro che si tratta di una corsa contro il tempo, perché le stagioni sportive vanno pianificate in primavera ed al massimo entro maggio sarà necessario sapere chi potrà giocare il prossimo anno al Rocchi.

Il dialogo tra i due enti, in realtà sembra già ben avviato, ma bisogna fare presto: se la documentazione è tutta in regola, la Regione si spera risponda in tempi brevi. Questo, per lo meno, è quanto si augurano i tifosi viterbesi.

E.C.

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 2 MARZO – EDICOLA DIGITALE