Tribunale, fonici e trascrittori scioperano contro il silenzio del Guardasigilli

Tribunale, fonici e trascrittori scioperano contro il silenzio del Guardasigilli

Tribunale, fonici e trascrittori scioperano contro il silenzio del Guardasigilli. Oggi nuovo sciopero dei fonici, dei trascrittori e degli stenotipisti forensi di tutta Italia.

La protesta indetta dai sindacati confederali

La protesta indetta da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti a livello nazionale che vede protagonisti 1500 lavoratrici e lavoratori che quotidianamente si occupano del servizio di documentazione degli atti processuali nei tribunali fa seguito alla mobilitazione del 18 gennaio e alla successiva astensione che si è svolta dal 19 al 25 febbraio.

LEGGI ANCHE Avvocati penalisti da domani in sciopero contro le modifiche della riforma Cartabia

Fonici e trascrittori scioperano contro il silenzio del Guardasigilli

La giornata di astensione è stata stabilita dai sindacati di categoria “alla luce del grave silenzio” da parte del guardasigilli Carlo Nordio, e in seguito al mancato riscontro alla richiesta di attivazione di un tavolo permanente di confronto sindacale, sollecitato in più occasioni, “utile ad affrontare le incertezze sul mantenimento dei livelli occupazionali e salariali attualmente presenti nell’appalto in scadenza”. Ancora una volta i sindacati chiedono l’assunzione da parte del ministero della Giustizia degli impiegati e l’erogazione di un percorso di formazione che certifichi le professionalità.

Presidio

In mattinata i 6 impiegati del tribunale del capoluogo che partecipano all’iniziativa hanno organizzato un presidio all’esterno del palazzo di giustizia.

IL CORRIERE DI VITERBO SU FACEBOOK E INSTAGRAM