Vasanello, tampona un’auto e scappa: 40enne nei guai per non aver soccorso i feriti

Vasanello, tampona un’auto e scappa: 40enne nei guai per non aver soccorso i feriti

Vasanello, tampona un’auto e scappa: 40enne nei guai per non aver soccorso i feriti. “Nella giornata di ieri – si legge in una nota ufficiale -, un tragico incidente stradale ha scosso la comunità locale, lasciando dietro di sé due persone ferite e una scia di paura e incertezza. Un individuo, noto alle forze dell’ordine per la sua condotta irresponsabile alla guida, ha speronato un’auto prima di dileguarsi nel nulla, ignorando il dovere di prestare soccorso”.

40enne nei guai per non aver soccorso i feriti

L’evento si è verificato in una via tranquilla, dove una coppia a bordo di una Mini Cooper è stata violentemente tamponata, provocando danni ingenti e lesioni gravi ai passeggeri. La prontezza di intervento dei carabinieri ha permesso di avviare tempestivamente le indagini, anche se il responsabile si era già dato alla fuga. Tuttavia, grazie alle telecamere di videosorveglianza della zona, gli inquirenti sono riusciti a rintracciare il colpevole, un uomo quarantenne alla guida di una Toyota C-KR.

Civita Castellana, tampona un'auto e scappa: 40enne nei guai per non aver soccorso i feriti

LEGGI ANCHE Incidente tra due auto, una si ribalta: ferita una donna

“È un imperativo legale e umano fermarsi, fornire assistenza alle persone coinvolte e cooperare con le autorità competenti”

“Il gesto vile di fuggire dalla scena di un incidente stradale non solo viola la legge, ma rappresenta un atto moralmente riprovevole – sottolinea l’Arma -. È un imperativo legale e umano fermarsi, fornire assistenza alle persone coinvolte e cooperare con le autorità competenti. Questo tipo di comportamento mette a rischio la sicurezza di tutti gli utenti della strada e ostacola le operazioni di soccorso e di indagine delle forze dell’ordine. I carabinieri di Viterbo ribadiscono l’importanza cruciale del rispetto delle leggi stradali e dell’adozione di comportamenti responsabili e solidali in caso di incidente. Solo attraverso una collaborazione attiva e un impegno condiviso è possibile contrastare efficacemente il fenomeno dei pirati della strada e garantire la sicurezza di tutti gli utenti delle strade locali”.

IL CORRIERE DI VITERBO SU FACEBOOK E INSTAGRAM