Migranti: scatta il click day per oltre 89 mila stagionali

Beatrice Masci
23/03/2024

Migranti: scatta il click day per oltre 89 mila stagionali

Lunedì 25 marzo scatta il click day per l’arrivo in Italia di 89.050 lavoratori stagionali extracomunitari previsti dal nuovo decreto flussi 2023-2025.

Lo rende noto la Coldiretti nel sottolineare che il nuovo appuntamento riguarda soprattutto lavori stagionali nei settori agricolo e turistico-alberghiero.

Coldiretti: “Il clima anticipa di un mese i raccolti”

I lavoratori stranieri sono diventati una componente importante per la filiera agroalimentare italiana.

Quasi 1/3 del Made in Italy a tavola a livello nazionale viene prodotto nei campi e nelle stalle da migranti che hanno trovato regolarmente occupazione in agricoltura fornendo ben il 32% del totale delle giornate di lavoro necessarie al settore, secondo l’analisi della Coldiretti che ha collaborato all’ultimo Dossier statistico immigrazione a cura del Centro studi e ricerche Idos.

Protesta Coldiretti a Bruxelles, agricoltori svuotano sacchi di grano al Parlamento Ue

“La comunità di lavoratori agricoli extracomunitari più presenti in Italia – spiega Coldiretti – è quella degli indiani, seguita dai marocchini che precedono albanesi, senegalesi, pakistani, tunisini, nigeriani e macedoni”.

“Si tratta soprattutto di lavoro stagionale con picchi di domanda nei periodi estivi della raccolta che – continua la Coldiretti – sono garantiti grazie a lavoratori regolari provenienti da altri Paesi, perfettamente integrati, che si fermano in Italia per qualche mese, tornando anno dopo anno spesso nella stessa azienda con reciproca soddisfazione”.

La Coldiretti richiede pagamento contributi sul benessere animale

“Il contributo dei flussi migratori al Made in italy sostiene molti distretti agricoli dove i lavoratori stranieri sono una componente bene integrata nel tessuto economico e sociale come nel caso” conclude la Coldiretti.