Al via la quinta edizione del Festival dei Luoghi Medievali

Al via la quinta edizione del Festival dei Luoghi Medievali

Al via la quinta edizione del Festival dei Luoghi Medievali.

La rassegna

E’ il primo Festival dedicato ai luoghi medievali italiani eccellenti e mira ad ospitare e promuovere le più significative destinazioni di turismo medievale. E’ l’evento “vetrina” della rete dei Comuni italiani a forte identità medievale, con lo scopo di condividere e promuovere congiuntamente un calendario di eventi, manifestazioni, feste a carattere storico di assoluta qualità che costituiscono l’offerta di turismo storico-rievocativo dei territori.

Festival itinerante

E’ una rassegna itinerante strettamente connessa con il luogo che la ospita ed al quale assicura visibilità grazie anche al supporto delle istituzioni nazionali che lo patrocinano.
Il festival vuole offrire a tutti i partecipanti gli strumenti per poter attuare strategie vincenti nell’ambito del destination marketing, tramite l’organizzazione di un workshop con la presentazione delle best practices di successo adottate da alcune significative destinazioni e siti storici e da un quadro delle soluzioni mediatiche e tecnologiche d’avanguardia, utili per il posizionamento di una specifica offerta turistica.

LEGGI ANCHE Al via l’11esima edizione del Premio Fausto Ricci

Sviluppo e promozione del turismo

Il Festival dei Luoghi Medievali in virtù della stretta collaborazione con la direzione marketing di Enit si pone come appuntamento imprescindibile per i soggetti pubblici e privati che intendono contribuire alla definizione, sviluppo e promozione del turismo dei luoghi medievali quale settore tematico di riferimento del turismo culturale.
Il ruolo di Viterbo e la sua percezione anche come città medievale di assoluto rilievo è indiscutibile e riconosciuto.
Inoltre nell’anno del decennale della concessione del titolo di Patrimonio Immateriale dell’ “UNESCO” alla Rete delle Grandi Macchine a spalla, e dunque al Trasporto della Macchina di Santa Rosa, permette la celebrazione collettiva di questo importante riconoscimento. Inoltre il target di pubblico a cui la città si offre è largamente compatibile con quello a cui si rivolge il piano di marketing e comunicazione della Rete.

Obiettivo Viterbo Capitale europea della Cultura

Infine l’ospitalità dell’evento può diventare un ulteriore punto di riferimento nella strada che porta al perseguimento del titolo di Capitale europea della Cultura alla quale l’Amministrazione aspira.
La città si presenterà agli ospiti istituzionali presentando le bellezze architettoniche, a partire dalla Sala Regia e della Sala del Consiglio del Palazzo dei Priori, sede dell’evento.
Inoltre l’organizzazione si occuperà di offrire una esperienza di visita ai monumenti cittadini e far conoscere la storia ed il ruolo di Viterbo soprattutto in età comunale.
La conoscenza dei prodotti del comparto agroalimentare locale sarà valorizzata grazie al momento conviviale previsto all’interno della giornata dei lavori.

IL CORRIERE DI VITERBO SU FACEBOOK E INSTAGRAM