La polizia fa gli auguri a tutti i papà con un cortometraggio

La polizia fa gli auguri a tutti i papà con un cortometraggio

La polizia fa gli auguri a tutti i papà con un cortometraggio. In occasione della Festa del Papà che ricorre domani nel giorno della solennità di San Giuseppe, la Polizia di Stato fa gli auguri a tutti i papà con una toccante storia raccontata nel cortometraggio “Medley” di Santa de Santis e Alessandro D’Ambrosi.

Presentato al Cortinametraggio

Presentato in anteprima alla XIX edizione del Cortinametraggio e prodotto da Piuma Film e Vargo, questo corto, interpretato dagli attori Mariano Rigillo e Valerio Morigi, narra l’incontro tra un giovane poliziotto e un anziano affetto da Alzheimer. I loro ricordi personali si intrecciano in un racconto che celebra l’immaginazione, l’empatia e la capacità d’ascolto.

Il tema del cortometraggio

Uno dei temi del cortometraggio è il legame tra padre e figlio, evidenziando le esperienze di un padre in cerca del figlio perduto e di un figlio cresciuto senza la figura paterna. I protagonisti hanno l’opportunità di riscrivere un momento cruciale della loro vita insieme, correggendo gli errori del passato e creando nuovi ricordi che cambieranno la loro percezione del presente.

LEGGI ANCHE Festa del papà, negli uffici postali di Viterbo e Tarquinia disponibili cartoline “puzzle”

“La vicinanza ai più fragili e vulnerabili rappresenta un pilastro fondamentale per la polizia”

In “Medley” il personaggio di Dario modifica il ricordo doloroso vissuto da Mariano, offrendogli un’inaspettata assoluzione. Il poliziotto si confronta con la sofferenza simile a quella che ha vissuto lui stesso, accettandola e perdonandola. Questo perchè il senso di colpa può essere lenito solo attraverso il perdono. La vicinanza ai più fragili e vulnerabili rappresenta un pilastro fondamentale nell’operato della Polizia di Stato.

La polizia fa gli auguri a tutti i papà

In un mondo sempre più frenetico, dove crescono le sacche di solitudine e abbandono, la Polizia di Stato dedica tempo e risorse a coloro che ne hanno maggiormente bisogno. Gli interventi quotidiani degli operatori di polizia verso anziani, malati e indigenti che cercano conforto rappresentano un importante segno di solidarietà. Questo non solo lenisce le loro sofferenze, ma contribuisce anche a una società più inclusiva, dove ognuno è valorizzato e sostenuto.

IL CORRIERE DI VITERBO SU FACEBOOK E INSTAGRAM