FdI premia 4 donne e rilancia l’impegno: “In prima linea contro la violenza”

FdI premia 4 donne e rilancia l’impegno: “In prima linea contro la violenza”

Fratelli d’Italia ha festeggiato a modo suo la giornata internazionale della donna, celebrando il governo Meloni.

Premiate 4 donne

Lo ha fatto distribuendo un opuscolo con tutti i provvedimenti presi dall’esecutivo a favore delle donne. E premiando, con una cerimonia che si è svolta ieri pomeriggio al bar Vittoria, quattro donne: Ivana Crispoldi, sutrina, campionessa di ginnastica artistica, disabile, e poi la chef Stefania Mancini, la pittrice Mariella Gentile e l’imprenditrice Angelica Bettini, proprietaria del parco dei Mostri di Bomarzo. Presente in conferenza stampa nella sede viterbese del partito l’intero gruppo consiliare, oltre alla responsabile del dipartimento per le politiche sociali Donatella Salvatori.

Allegrini: “Le donne non possono essere strumentalizzate”

La capogruppo a Palazzo dei Priori Laura Allegrini interpreta l’8 marzo come festa “complementare rispetto al 25 novembre”, la giornata contro la violenza sulla donne. E sostiene che tra le azioni intraprese dal governo ce n’è per “arginare questo fenomeno in crescita”. Sostiene che le donne “non possono essere strumentalizzate” e che per tale motivo “noi non siamo in piazza a sventolare mimose o bandiere ma portiamo avanti le nostre istanze. Non a caso – rimarca – la prima presidente del Consiglio è una donna di destra”. Ritiene inoltre che “la completezza di una donna c’è quando oltre la maternità c’è il lavoro”.

LEGGI ANCHE Parità di genere, la Tuscia sorride

“L’empowerment femminile deve essere declinato in tutti i ministeri”

Sottolinea poi come la presenza di un dicastero dedicato alla Parità di genere e alla Famiglia non sia un confine che costringe in un recinto: “L’empowerment femminile deve essere declinato in tutti i ministeri”. Rivendica il fatto che la destra sia antesignana del tema del contrasto alla violenza di genere, dato che “quindici anni fa abbiamo voluto la legge contro l’infibulazione”, uno dei problemi, sottolinea, generati dall’immigrazione illegale. Poi c’è da registrare che “il governo ha aumentato dell’1,2% l’occupazione femminile”, e che esiste il codice di autodisciplina per valorizzare il lavoro femminile “fortemente voluto dal ministro Roccella”. Per l’imprenditoria femminile, aggiunge, “ci sono alti 6.5 milioni nel fondo di garanzia, che si rivolge alle nuove imprese femminili e prevede anche l’ampliamento e la promozione di quelle esistenti”.

Andrea Tognotti

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 9 MARZO – EDICOLA DIGITALE