FdI: “Un voto per favorire l’allineamento politico”

FdI: “Un voto per favorire l’allineamento politico”

Simona Atti, Nello Campana, Giuseppe Cesetti, Luca Giampieri, Daniela Guarisco, Giulio Zelli, Sergio Orlandi, Teresa Paquali, Francesca Pimpolari, Luca Profili, Katia Surano, Stefano Zacchini. Questi i candidati di Tuscia tricolore alle elezioni provinciali del 17 marzo, alle quali sono candidati 9 sindaci (4 di FdI).

La presentazione ieri al bar Grandori di Porta Romana

La presentazione si è svolta ieri al bar Grandori di Porta Romana. Simona Atti è assessore alle attività produttive del Comune di Montalto; Nello Campana è presidente del Consiglio comunale di Corchiano; Giuseppe Cesetti è il sindaco di Canino, Luca Giampieri è il sindaco di Civita Castellana; Daniela Guarisco è consigliera di Gallese, Giulio Zelli è assessore ai servizi sociali di Vetralla, Sergio Orlandi è l’assessore all’urbanistica di Ronciglione; Teresa Pasquali è sindaca di Vejano; Francesca Pimpolari è consigliera comunale di Orte; Luca Profili è il sindaco di Bagnoregio; Katia Surano è consigliera comunale di Caprarola; Stefano Zacchini è consigliere comunale di Tarquinia.

LEGGI ANCHE Provinciali, 7 sindaci in corsa

FdI chiede il voto alla sua lista per favorire un allineamento politico tra il governo regionale e quello di via Saffi

Aria goliardica nella sala, ma il messaggio politico è molto chiaro: FdI chiede il voto alla sua lista per favorire un allineamento politico – evidentemente oggi assente – tra il governo regionale e quello di via Saffi. Mauro Rotelli – presidente della commissione ambiente della Camera, presente all’iniziativa assieme al capogruppo di FdI alla Pisana Daniele Sabatini – nega però che il suo partito soffra di “sindrome da accerchiamento”, nonostante non tutto il centrodestra (vedi Romoli) marci compatto. “Si tratta – ha spiegato – di rimettere di nuovo in ordine un’alleanza che funziona bene”. “Serve chiarezza e stabilità, in linea con il governo della Regione”, ha aggiunto Sabatini.

Andrea Tognotti

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 28 FEBBRAIO – EDICOLA DIGITALE