Il ritorno di Sgarbi: “In Procura ci vado io”

Il ritorno di Sgarbi: “In Procura ci vado io”

Dato che in quasi due anni di mandato non si era praticamente mai visto a un Consiglio comunale, secondo l’opposizione la sua presenza servirebbe ora alla sindaca Frontini come “arma di distrazione di massa” per spegnere il riflettori sul caso Bruzziches.

Il ritorno di Sgarbi

Fatto sta che adesso Vittorio Sgarbi, prendendo parte a due sedute dell’assemblea della sala d’Ercole in appena una settimana, sembra intenzionato a recuperare il tempo perduto.

L’assessore alla bellezza promette azioni eclatanti per la difesa del paesaggio

Dopo essersi palesato martedì, tra lo stupore generale eccolo tra i banchi anche nella seduta di giovedì: “Come assessore alla bellezza – ha detto durante il suo intervento, rispolverando il vecchio cavallo di battaglia per la difesa del paesaggio – intendo andare in Procura perché nel percorso da Viterbo a Montalto di Castro ho visto luoghi tra i più belli del mondo, che sono memoria dell’umanità, come Tuscania, aggrediti in modo intollerabile con una quantità infinita di chilometri di parchi fotovoltaici. È uscita una legge, il 4 marzo di quest’anno, che stabilisce un vincolo totale su quell’area. Non possiamo perdere questa bellezza assoluta”.

Sgarbi ha invitato i sindaci a presentare anche loro denunce

Ha quindi invitato i “sindaci a presentare anche loro denunce per infrazione dell’articolo 9 della Costituzione e interrompere questa tragedia. Stiamo distruggendo uno dei luoghi più belli al mondo”.

LEGGI ANCHE Impianto eolico a Pitigliano, Sgarbi: “Salvare l’identità paesaggistica”

Assist per la consigliera Ciambella

Le parole dell’ex sottosegretario sono state un assist perfetto per Luisa Ciambella, che con Sgarbi è stata protagonista negli ultimi due anni di varie manifestazioni e proteste comuni contro il dilagare delle energie alternative nella Tuscia.

Ciambella non risparmia critiche feroci all’amministrazione

La consigliera della lista Rocca è stata però un fiume in piena, non risparmiando così critiche feroci all’amministrazione di cui l’assessore fa parte, accusata di aver tradito in campo ambientale le promesse elettorali, come dimostra “l’atteggiamento remissivo sulla discarica assunto nell’ultimo periodo dell’amministrazione Zingaretti”.

 

Tiziana Mancinelli

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 23 MARZO – EDICOLA DIGITALE