“Finalmente l’Alba”, la protagonista è un’attrice viterbese

“Finalmente l’Alba”, la protagonista è un’attrice viterbese

Finalmente l’Alba“, la protagonista è un’attrice viterbese. Rebecca Antonaci, classe 2004, ha recitato al fianco di Lily James, Joe Keery, Rachel Sennott, Alba Rohrwacher, Willem Dafoe, cast stellare della pellicola di Saverio Costanzo già presentata a settembre al Festival di Venezia.

LEGGI ANCHE Sanremo 2024, Marco Mengoni re della prima serata | Le foto più belle

Come si è avvicinata al mondo del teatro?

“E’ iniziato tutto da Viterbo. Quando ero piccola mi iscrissi ad un corso di recitazione cimentandomi nel teatro e nel musical. La mia insegnante dell’epoca mi propose di lavorare nel mondo del teatro in maniera professionale e mi spronò a fare dei provini per il cinema. Da lì poi, anche grazie alla mia agenzia, ho spiccato il volo”.

Ha frequentato il liceo musicale di Viterbo e ha studiato pianoforte. Quanto conta per lei la musica?

“Per me il cinema e la musica hanno lo stesso peso. La musica ha sempre fatto parte di me, anche se al momento a livello professionale il cinema ha la priorità, ma la musica non deve mancare mai”.

Quanto è legata alla sua città?

“Sono molto felice di essere cresciuta a Viterbo perché la mia città mi ha dato l’opportunità di formarmi e di seguire i miei sogni”.

Il film che esce oggi quanto è stato importante?

“Finora è stato il progetto più significativo. Io ho sempre sognato di entrare nel mondo del cinema, anche se la gavetta l’ho fatta in ambito televisivo ed è stata fondamentale. Poi è arrivata questa proposta che mi ha cambiato la vita. Ho scoperto un mondo nuovo, mi ha dato tantissimo e sono onorata e felice di aver avuto questa possibilità”.

Com’è stato lavorare con Saverio Costanzo e con degli attori molto noti?

“Essendo il mio primo film, all’inizio ero molto ansiosa. Prima di iniziare a girare però ho avuto la fortuna di fare tante prove con Saverio. Con lui mi sono trovata benissimo, mi ha spiegato qualsiasi cosa, quindi sul set ero molto sicura. E poi Lily James, Joe Keery, Rachel Sennott, Alba Rohrwacher e Willem Dafoe sono persone meravigliose. Ero felice di andare a girare perché sapevo che c’era una famiglia ad aspettarmi. E’ stata un’esperienza impagabile condividere il set con dei grandissimi professionisti”.

E confrontarsi con artisti navigati e acclamati?

“La cosa bella è stata poter vedere il loro modo di stare sul set, di entrare nel personaggio, i loro riti prima del ciak. Mi ha affascinato moltissimo scoprire che dietro star hollywoodiane ci sono delle persone normalissime e non dei divi. Una cosa che mi ha molto colpito di Willem Defoe è che anche quando non gira rimane sul set ad osservare le maestranze e devo dire che piace anche a me vivere il set e guardare come si muove la crew”.

Cosa ha imparato di nuovo da questa avventura professionale?

“L’essenzialità. Con Saverio abbiamo lavorato molto sulla pulizia del volto, dell’espressività, mi ha fatto arrivare all’anima del personaggio”.

Perché il pubblico dovrebbe andare al cinema a vedere “Finalmente l’Alba”?

“E’ un film sorprendente ed importante. E’ anche pretenzioso, ma in senso positivo. Dalle scenografie, alla fotografia è davvero stupendo. Ha un significato rilevante che ogni spettatore sarà libero di interpretare a proprio modo”.

Valeria Terranova

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 14 FEBBRAIO – EDICOLA DIGITALE