Medici e infermieri aggrediti. Rocca: “Saranno le Asl a denunciare”

Medici e infermieri aggrediti. Rocca: “Saranno le Asl a denunciare”

Medici e infermieri aggrediti. Rocca: “Saranno le Asl a denunciare”. Il presidente della Regione Lazio nel corso di un incontro avuto venerdì 7 aprile con i rappresentanti della Funzione Pubblica di Cgil, Cisl, Uil e Csa, ha anticipato alcune misure  “per ridare centralità alla dignità degli operatori sanitari”.

PIU’ AGENTI NEGLI OSPEDALI. IL PIANO SICUREZZA

Medici e infermieri aggrediti

Sul tema delle aggressioni subìte dal personale, verrà prevista la possibilità che a denunciare gli episodi di violenza possa essere direttamente l’azienda sanitaria, se l’ipotesi di reato prevede che si proceda d’ufficio. Un recente decreto del Governo ha inasprito le pene per coloro che compiono atti di violenza contro i professionisti della sanità. C’è stata una modifica diretta all’art. 583- quater del Codice Penale che regola i casi di violenze su operatori sanitari e pubblici ufficiali in servizio.

NUOVO POSTO DI POLIZIA A BELCOLLE

Dialogo con i sindacati

La Regione Lazio – si legge in una nota –  “esprime soddisfazione per il clima di concordia e collaborazione con le parti sociali e ribadisce la centralità del personale al fine di garantire. La corretta ed efficiente erogazione, da parte dell’Amministrazione, dei servizi ai cittadini”.

IL CORRIERE DI VITERBO SU FACEBOOK E INSTAGRAM

LEGGI IL CORRIERE DI VITERBO – EDICOLA DIGITALE