Francigena si regge sui parcheggi

Francigena si regge sui parcheggi

E’ quello dei parcheggi l’unico ramo d’azienda in attivo della società Francigena. I numeri verranno forniti in consiglio comunale martedì prossimo, quando in aula si discuterà del piano di risanamento della partecipata, ma la consigliera di Fratelli d’Italia Laura Allegrini anticipa già il succo: senza i parcheggi di fatto la Francigena collasserebbe.

Corse Francigena saltate per il cantiere

Tanto più con il venir meno del contributo regionale per il trasporto pubblico locale, che della partecipata è sempre stato il tallone d’Achille.

Allegrini (FdI): ” Francigena non può reggersi in piedi unicamente con i proventi dei parcheggi”

Ma anche il ramo d’azienda rappresentato dalle due farmacie, in genere una tra le attività più remunerative che esistono, a Viterbo è incredibilmente in perdita.
“Una società come Francigena – attacca Allegrini – non può reggersi in piedi unicamente con i proventi dei parcheggi. E’ vero che il bilancio è in attivo ma è anche vero che questo risultato i viterbesi lo hanno pagato a caro prezzo”.

Fermata bus lontana da Belcolle, l’assessore spiega: “I mezzi Francigena non riescono più entrare”

Ticket aumentato di 50 centesimi l’ora

Il riferimento è all’aumento del ticket di 50 centesimi l’ora, deciso lo scorso anno dall’amministrazione proprio per rimettere in carreggiata la Francigena.

“Basta un intoppo, come la perdita del contributo regionale per il tpl (1,5 milioni di euro, ndr) – sottolinea Allegrini – a far crollare il castello di carte”.

Massimiliano Conti

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 24 MARZO – EDICOLA DIGITALE